Adv on line: il peggio è passato. Anzi no. Forse, quasi.

A che punto è la notte del mercato ADV riguardo internet? I dati che provengono da oltreoceano iniziano a parlare di segnali di ripresa, che alcuni indicano appunto come segnali e basta, altri invece come reale superamento di qualsiasi momento di crisi…la realtà qual’è? E sopratutto in Italia, a che punto siamo?In Italia trovare notizie è molto difficile (sembra siano segreti di stato). I pochi che pubblicano qualcosa, Nielsen in testa, indicano per la rete una quota del 3,5% del mercato complessivo dell’adv: la situazione è per la prima volta in negativo, ma diverse realtà molto grandi dichiarano notevoli crescite.

Questo cosa ci indica? Semplice, che il mercato si sta trasformando: da un lato internet assorbe l’emorragia di altri settori, dall’altro si procede ad una aggregazione dei più forti player del settore. I piccoli vedono erose le loro quote di mercato, i grandi consolidano, la crisi lava via le bollicine inevitabili di ogni mercato.

E il futuro? Non ho doti medianiche, ma credo che la tendenza all’aggregazione sia qui per rimanere, anche perchè, in una recente riunione a cui ho partecipato, alcuni dei più grandi editori europei (molti editori anche tradizionali) indicavano con forza questa strada.

Spero che vogliate indicare altre fonti se ne avete, altri dati, e farmi avere le vostre opinioni: secondo voi, “per andare dove dobbiamo andare, per dove dobbiamo andare?”

Rispondi