Custodia Lifeproof Fre per iPhone 5 e 5s

Ho da poco acquistato e provato per trenta giorni la custodia Fre di Lifeproof per iPhone 5 o 5s: vi racconto come va dopo una serie di test molto approfonditi e duri.

Gli smartphone di oggi hanno bisogno di protezioni molto accurate: sarà capitato anche a voi di vedere telefoni con display rotti, case danneggiati, pezzi mancanti. Se considerate che la vita media di uno smartphone è di due anni durante la quale vi cadrà almeno 6 volte e che cambiare un display oggi è sempre più costoso a causa dell’evoluzione degli stessi, capite come una protezione molto robusta sia indispensabile.

Se come me il telefono lo usate senza risparmiarlo (spiaggia, montagna, pioggia, sole, bambini, moto, etc) e lo volete protetto in ogni circostanza, la soluzione è una sola: LifeProof FRE, l’unica custodia garantita per resistere fino a 2 metri sott’acqua, a sabbia, fango, neve, urti da 2 metri di altezza. Il produttore la certifica come superiore alle norme IP (ingress protection) di grado 68: quindi piena protezione dalla polvere e immersione continua in acqua alla profondità superiore ad un metro per almeno un ora.

Ho avuto la Lifeproof per iPhone 4 (questa) e quando ho cambiato telefono ho pensato di poterne fare a meno, a favore di una maggiore portabilità. Niente di più sbagliato, perché l’iPhone è sempre più sottile, delicato ed un paio di volte ha davvero rischiato grosso.

Ricevuto il pacco da Amazon (volevo la sicurezza che fosse la versione originale) ed estratto dall’imballo la Lifeproof, ho subito provveduto al primo test: chiusura e immersione da vuoto sott’acqua, anche se il dispositivo viene venduto come testato singolarmente già in fabbrica. Per sicurezza, dato che io di natura non mi fido di niente, l’ho tenuto dentro un lavello pieno con un peso sopra, un fazzoletto di carta dentro (per vedere eventuali gocce) e per un ora contro i trenta minuti da loro istruzioni. Primo test brillantemente superato.

Asciugata la custodia, ho tolto il fazzoletto di carta, e inserito l’iPhone. Secondo test: la maneggevolezza e il feeling d’uso. Dopo circa venti giorni con uso di cuffie, ricarica serale, uso di levetta per il mute della suoneria, touch id, posso dire che il prodotto non solo va alla grande ma ha fatto un grande balzo in avanti dal modello per iPhone 4. La gomma è decisamente più morbida sui lati, il feeling migliore, anche se piccole imprecisioni restano nel caso della levetta mute/vibrazione. Assolutamente inaspettata la precisione del touch id, e nessun impuntamento nell’uso del touchscreen.

Comoda la ricarica con sportellino apribile in maniera semplice, più complesso svitare la vite che da accesso al jack per inserire le cuffie. Nella confezione troverete anche una prolunga del jack a vite per collegare eventuali cuffie subacquee, qualora sentiste l’insano bisogno di usare l’iphone mentre nuotate o più banalmente se la stretta feritoia del jack (perfettamente compatibile con le cuffie originali) non fosse adatta ai jack dei vostri altoparlanti, amplificatori, o cuffie alternative.

Terzo test: musica e telefonate, sia in vivavoce che normali. Questo per me è il test sovrano: se non posso sentire bene il mio interlocutore non vale la spesa. Nessuno dei miei interlocutori ha riferito di problemi nell’audio e in vivavoce ho apprezzato la qualità della musica praticamente pari all’originale audio senza custodia.

Infine ho volutamente sfidato la sorte affidando il telefono a mia figlia perché lo usasse come giocattolo per un intero pomeriggio (ovviamente sotto la mia supervisione): la spiaggia, l’acqua del mare e i giochi con secchiello e paletta sono stati brillantemente superati, come anche l’uso di Siri con la sua voce.

CONCLUSIONI – Se fate una normale vita attiva, andando in bici, facendo la spesa, andando al mare o in ufficio la custodia è un must. Protegge benissimo e vi dimenticate di qualsiasi problema possa capitarvi. Certo, se siete amanti dell’ultra sottile e del vedo non vedo non è l’oggetto per voi, ma se volete protezione senza pensieri non potete presciderne. Personalmente non tornerei indietro data l’usabilità normale del telefono più custodia anche con giacche, o jeans, e l’ottima qualità di voce e funzioni. Ovviamente sta a voi decidere: design o protezione? Fatemi sapere.

I commenti sono aperti per dubbi, domande o approfondimenti.

Roberto Chibbaro

Padre, Marito, Boss@MakeMeApp, food lover, moto traveller. Fin dove il cuore mi resse, arditamente mi spinsi.

Rispondi