Il mio TechCrunch Italy

Ecco la pagella del TechCrunch Italy a cui ho partecipato ieri: tante sbavature ma, come si dice? Per me è un si. Ok, iniziamo come sempre con la classifica:

10 alla location, non grande ne spettacolare, ma il globe teathre e dentro villa Borghese mi è piaciuto tantissimo.

9 ai partecipanti: poca fuffa, tanto arrosto. Ho visto tanti amici, ma tanti visi nuovi, concreti, con voglia di fare.

8 ad alcune startup viste. Molti si sono lamentati di avere poche novità, ma in realtà se consideriamo che non è LeWeb è andata alla grande.

7 alle passerelle. Quelle di alcuni sono venute davvero bene, fini a se stesse, ma venute una meraviglia.

6 all’hackathon. Bello, ma andava organizzato meglio

5 al costo dell’ingresso. 99 € non sono pochi, ma in questo caso siamo quasi alla sufficienza.

4 Ai mezzi dì trasporto di Roma. 1h e 30 minuti dall’aeroporto a villa Borghese è follia.

3 secco all’organizzazione: ma è possibile che ci fossero badge scritti a mano, borse senza fiches e agende, wifi assente, segnale 3G casuale? Mike, la prossima volta mi sa che dovrai darti un pò più da fare.

2 e 1 non ne assegno, mica sono cosi cattivo…

Qualche foto:

Roberto Chibbaro

Padre, Marito, Boss@MakeMeApp, food lover, moto traveller. Fin dove il cuore mi resse, arditamente mi spinsi.

Rispondi