Crowdfunding, timidi segnali in Spagna con SeedQuick

Il crowdfunding è la next big thing nel mondo delle startup, ma governi miopi e legislazioni indegne ne hanno finora fermato lo sviluppo. Tuttavia, il mercato manda segnali di insofferenza e qualcosa inizia a muoversi. Come avrete letto più volte su questo blog, sostengo il crowdfunding con ogni mia forza. Qualcuno forse ricorderà FundMeUp. E sebbene iniziative di successo come Kapipal permettano di finanziare diversi tipi di idee (beneficenza, viaggi, progetti vari), non è ancora possibile finanziare idee d’impresa se non con donazioni, senza ritorni economici per i donanti.

Tuttavia qualcosa in Usa ed Europa inizia a muoversi e oggi vi presento la spagnola SeedQuick, che pare muovere un timido passo verso il finanziamento diffuso. In pratica dopo una registrazione, si può inserire il proprio progetto, tra l’altro specificando con un video idee e funzionamento dello stesso. Tutti gli iscritti possono vederlo, e l’imprenditore riceve un feed sui vari aspetti del progetto: finanziario, logistico/infrastrutturale, commerciale, etc.

Alla fine della fase di valutazione e sviluppo, si passa a quella di valorizzazione del progetto. E qui secondo me si trova il punto debole di ogni progetto simile. Non vedo come la legislazione spagnola possa permetta uno scambio di quote/denaro senza tutti gli orpelli e i freni burocratici connessi. Perchè è li il punto: o mi permetti di farlo in due minuti via paypal e mi dai una ricevuta, o se devo andare dal notaio/ufficio/etc tengo i soldi ben stretti in tasca.

Per capire meglio ho voluto intervistare uno dei responsabili del progetto Javier Martin, autore tra l’altro dell’ottimo blog Loogic.com. Conoscendo la legislazione spagnola, per aver vissuto e studiato li “derecho”, ricordavo che un passaggio di quote sociali necessitasse di burocrazia, il che rende antieconomico il tutto per importi tra 100 e 500 euro, cioè il target di un funding veramente crowd.

Domanda: “Como funcionarà exactamente el crowfunding? Quiero decir, en Espana para partecipar en una empresa (s.a., s.l.) con una cuota non necessitas de un notaro? Si fuera asi, non es antieconomico i de dificil realizaccion invertir entre 100/500 euros?“(Come funzionerà? Ci vorrà un notaio?)

R.La forma legal en la mayoría de los casos será con un pacto de socios, que firmarán el emprendedor y el inversor de forma privado. Esto tiene validad legal entre las partes, no ante un tercero, pero en la mayoría de las operaciones que se realizan en una empresa no es necesario ir al notario.” (si tratterà di un patto tra soci, inopponibile a terzi, ma valido tra le parti)

Ma questo punto mi sorge il dubbio: chi investe avrà la proprietà? O invece si tratta di una sorta di prestito garantito?

D.Es corecto que el inversor non tendrà propriedad de la empresa (equity, etc) ma serà como un prestamo garantizado?

R.Pueden ser las dos opciones, puedes ofrecer un porcentaje de tu empresa o puedes ofrecer cuentas en participación con las cuales el inversores accede a una parte de los beneficios pero no es accionista“.

Ho anche chiesto, per esplorare quelli che possono essere i punti di debolezza di un progetto simile:

D.Como estan garantizados los usuarios que inverten en una empresa de seedquick? No digo el riesgo de empresa, digo que alguien utiliza el sitio web para una fraude…
R.No podemos ofrecer garantías más allá de la supervisión que hagamos nosotros y haga la comunidad para ver si se trata de un proyecto serio. Igual que te pueden estafar por esta plataforma podría suceder en el mundo real cuando alguien busca financiación en otro tipo de foros offline.
Chiaro, quello che succede on line può capitarti off line, e la fase di valutazione da parte della comunità può fare la reale differenza. Infine sicocme sono curioso:
D. “Cuando se abre la fase de funding?
R. “Cuando finaliza el plazo de crowdsourcing.”
Ok, qualcuno vuole fare un esperimento con me? Mettiamo 10 euro a testa e facciamo una piccola cordata per vedere se funziona tutto?

Roberto Chibbaro

Padre, Marito, Boss@MakeMeApp, food lover, moto traveller. Fin dove il cuore mi resse, arditamente mi spinsi.

1 commento

  1. Pingback: CrowdFunding, in America è (quasi) realtà | Roberto Chibbaro

Rispondi