I-Doser: bufala sonora? o realtà?

Tutti ricorderete un film cult degli anni 90: Strange days della regista Kathryn Bigelow, già autrice dell’osannato Point Break. Per i pochi che se lo sono perso, si tratta di un noir “millenaristico” molto bello, dove viene introdotta una nuova droga: le sensazioni degli altri. Registrati su un dispositivo chiamato SQUID possono direttamente essere vissute e trasmesse al cervello di altri: sesso, adrenalina, essere il presidente o una rockstar, tutto è possibile.

Tutto questo mi è venuto in mente oggi, quando ho letto di una “nuova droga” spacciata sul web, l’i-doser. Si tratterebbe, il condizionale è d’obbligo, di un file mp3, che grazie alla stereofonia e alle basse frequenze farebbe “sbalalre” i giovani di oggi. A parte il tono sensazionalistico tipico della stampa, e a parte che si,è vero che le basse frequenze possono incidere sul nostro cervello, a me non pare credibile per alcune ragioni.

Anzitutto, non capisco il meccanismo di spaccio: il movente di ogni criminale è il denaro, ma se fai una cosa che una volta regalata la puoi usare all’infinito dov’è che fai i soldi? Inoltre  dov’è un test serio sulle alterazioni che produce? I video su youtube? Le dicerie, che mi ricordano gli alligatori nelle fogne di New York?

Voglio lanciare un appello, se tra voi c’è un neurologo, o un altro medico che può spiegarci mi piacerebbe parlarne in modo scientifico, se no sono solo chiacchiere ed effetto placebo.

9 commenti

  1. Leandro Perrotta   •  

    Io ascolto ossessivamente “Parco Sempione” e sento suonare i bonghi…

  2. Roberto Chibbaro   •  

    credo di acquistare il brano, “farmelo”, e poi risolvere una semplice equazione o test…

  3. Roberto Chibbaro   •  

    ehehe grazie della dritta, Paolo è sempre un mito…
    Da parte mia mi sono attrezzato, appeno ho un minuto registro il video dove dimostro che non fa un bel niente. Accanto a me un giovane medico, sarò collegato ad una macchina per la pressione e davanti a me un semplcie test d’intelligenza…

  4. Caym, alias Livia   •  

    già che ci sei fai un test comparativo, con una bella tavoletta di cioccolato, e vedi quale delle due cose ti porta di più allo “sballo” 😉

  5. LivePaola   •  

    “Strange Days”: uno dei miei film preferiti di tutti i tempi!

  6. Gaetano   •  

    Ma non si possono semplicemente far essiccare i filamenti di banana e fumarseli?? eeheheh
    Per gli mmp3 di IDoser c’è tutta una preparazione per “assumere” la droga (e’ spiegata nel sito)… talmente lunga che ti passa la voglia :°D

  7. Roberto Chibbaro   •  

    le solite balle anche quelle 🙂

  8. i.dreamdoser   •  

    We have just launched our new service http://www.i-dreamdoser.com as beta , it is based on binaural waves that makes relax and conditional dream,
    please check it for a quick preview and give us some feedback

Rispondi