Google AdManager

Sono da poco stato invitato, dopo iscrizione, ad usare il nuovo servizio di Google per la gestione degli spazi banner sul proprio sito: AdManager. Il nome dice tutto, si tratta di uno strumento molto comune in chi gestisce spazi banner con diversi inserzionisti, e serve a ruotare le pubblicità sul vostro sito secondo le vostre indicazioni (campagne con priorità, pagate, soglie di pressione ecc).

Dopo un primo orientamento con il video, ho avuto modo di approfondire la conoscenza con l’interfaccia in inglese che è molto chiara, e con una curva di apprendimento medio bassa per unire potenza e gestibilità. Attenzione, gli strumenti a disposizione sono molti, e molto potenti, ma anche facili da usare: oltre infatti a tutto quello che fa un normale adserver, oltre a collegarsi con AdSense, la funzione che mi ha colpito di più è quella che ho ribattezato “Martingala”. In pratica potete scegliere delle aree specifiche del vostro sito, unirle insieme in un offerta, specificare il target, e mettere un prezzo. Una sorta di pacchetto base/avanzato per gli investitori.

Ovviamente, a differenza che con AdSense, potete decidere voi il prezzo, e questo è chiaramente un fattore senza il quale ben pochi avrebbero usato il servizio. Tra le altre funzioni degne di nota il targeting per descrivere al meglio l’audience del vostro sito, e la possibilità di usare AdSense per l’invenduto o per competere con i vostri inserzionisti…

Giudizio:il software è facile da usare e ha molte funzioni utili, incluse alcune che è difficile trovare in altri adserver. Ha inoltre il vantaggio di essere già installato su un server, e di non gravare sul vostro. Da contraltare a questo c’è il fatto che NON è possibile (smentitemi se sbaglio) usare pop_up, pop_under, e rich media vari. Questo è ovviamente perfettamente coerente con la politica di advertising di Google, ma potrebbe creare qualche remora nei siti più grossi che volessero usare questo strumento. Chissà, forse segnerà un trend.

Da aggiungere anche un ulteriore considerazione: se da un lato il mercato potrebbe diventare più trasparente, con dati certi per gli inserzionisti, la privacy, e i dati aziendali sensibili sarebbero un pò a rischio privacy.

In definitiva continuerò a testarlo, ma voglio prima valutarne la maturità, non ho un buon rapporto con le applicazioni web based di google purtroppo. Se tuttavia siete un sito medio piccolo, potrebbe essere un ottima occasione per risparmiare banda e carico sul server. Provatelo…

8 commenti

  1. Andrea   •  

    Non si sà niente circa la data di apertura al pubblico?

  2. Roberto Chibbaro   •  

    Si parla di qualche mese, ma non ci sono dati ufficiali. Ho mandato una mail e hanno detto la solita cosa standard “we are working on bla bla bla…”

  3. Andrea   •  

    Speriamo prima della fine dell’anno almeno…

  4. Roberto Chibbaro   •  

    io lo sto testando come scrivo..devo dire che va molto bene A PARTE che non posso avere richmedia…

  5. Paolo Carrasi   •  

    MA COSA è STO COSO ROB?
    P.S. come faccio a vedere gli articoli pubblicati sul blog precedentemente alla mia visita? non cè un’elenco.

  6. Roberto Chibbaro   •  

    Ciao Paolo, cancellata la parte in più 😉
    Per il resto:

    Admanager è un sistema per gestire la pubblicità on line, in questo caso creato da Google. Mentre per seguire il blog, e sapere cosa hai letto e cosa no usa gli RSS. Cosa sono? Eccoli qui http://it.wikipedia.org/wiki/Really_simple_syndication

  7. Pes 2009   •  

    Oggi ho ricevuto una mail da parte di google dove m’invita a utilizzare il servizio admanager;
    E’ quindi aperto al pubblico o sono stato scelto?

  8. Roberto Chibbaro   •  

    credo tu sia stato scelto…

Rispondi