Gusti politici e abitudini di navigazione

Da tempo, gestendo una comunità universitaria con un età media dei partecipanti tra i 18 e i 26 anni, mi sono accorto di alcune differenze nelle loro abitudini di navigazione. Con un pò più di tempo, mi sono accorto che tali abitudini erano in parte riconducibili a convincimenti e cultura politica, intesa come ideologia di base, e non certo come appartenenza a questo o quel simbolo.

Non ho mai fatto una ricerca esatta (anzi se qualche ricercatore vuole darmi una mano mi faccia sapere), ma queste mie impressioni (che tali sono senza uno studio scientifico), vengono in parte confortate da un recente studio americano fatto da Forrester e pubblicato da Josh Bernoff.

Riassumendo molto in breve, si dice che esista una stretta correlazione tra abitudini di navigazione e orientamento politico. Così, se i Democratici sono molto più attivi nel creare e partecipare in rete, i Repubblicani sono meno presenti e meno partecipativi. E ancora: l’utilizzo delle tecnologie, anche le più diffuse come RSS, tag, partecipazione a sondaggi, è limitato a pochi attivissimi Repubblicani, contro una media di Democratici più bassa come singoli, ma più alta nel complesso.

In Italia non credo che il modello si scosti di molto, mi piacerebbe sapere che ne pensate voi…

Rispondi