CARLO PARLANTI, presunto colpevole!

[AVVISO] Questo blog aderisce alla proposta e riporta il post per la liberazione di Carlo Parlanti

Questo post è stato creato per attirare e focalizzare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni sulla vicenda di CARLO PARLANTI, 42enne fisico e programmatore informatico arrestato ed in seguito processato negli Usa per un crimine che non ha mai commesso. Carlo è ammalato di Epatite C contratta in carcere, di piorrea, sciatalgia ed asma. Per l’epatite Carlo non viene curato. Se al più presto non si interverrà e l’epatite non verrà curata, Carlo potrebbe trovarsi presto in pericolo di vita. In questi ultimi giorni le condizioni sono ulteriormente peggiorate tanto e pertanto Carlo è attualmente ricoverato presso l’ospedale di Mercy di Backersfield con una diagnosi alquanto inquietante. Pioritaria diventa pertanto l’esigenza di RIPORTARE CARLO IN ITALIA affinchè possa venire curato nel migliore dei modi e perchè ciò avvenga occorre UN’AZIONE DI SENSIBILIZZAZIONE.

Lo ripetiamo: Carlo è in carcere negli Stati Uniti per un crimine che non ha mai commesso, nel silenzio delle istituzioni italiane che fino ad ora non hanno accolto nessuno dei precedenti appelli. Non lasciamo che un cittadino italiano continui a soffrire nell’indifferenza generale.
Aiutiamolo a lasciare la sua ingiusta detenzione ed a far sì che possa ricevere le cure necessarie alla sua sopravvivenza.
Firma la petizione internazionale all’indirizzo: http://www.petitiononline.com/parlanti/petition-sign.html?

Prove dell’innocenza di Carlo, le carte processuali, ed i modi per aiutare Carlo sono disponibili all’indirizzo www.carloparlanti.it.
All’indirizzo katia@carloparlanti.it, è possibile contattare la Sig.ra Katia Anedda, sempre in prima linea per dimostrare l’innocenza del suo compagno ed impegnata da tre anni in una battaglia estenuante per far si che Carlo possa tornare a casa.
Qui di seguito anche alcuni indirizzi ai quali, chiunque di voi, può scrivere per chiedere più attenzione su questo caso:
http://www.adnkronos.com/IGN/ext/contacts.php?mid=2 AdnKronos
agenzia@asca.it Ag. Stampa quotidiani Italiani
segreteria.redazione@agi.it Assoc. Giornalisti Italiani
espressonline@espressoedit.it Espresso
ildirettore@ilfoglio.it Il Foglio
roma@gazzettino.it Il Gazzettino
redazione@ilmanifesto.it Il Manifesto
posta@ilmattino.it Il Mattino
esteri@messaggero.it Il Messaggero
ufficio.centrale@ilpiccolo.it Il Piccolo
segreteria.redazione.bologna@monrif.net Il resto del Carlino
redazione@ilsecoloxix.it Il Secolo XIX
gaspare.borsellino@italpress.com ItalPress
segreteria.redazione.milano@monrif.net La Nazione
interni@avvenire.it L’Avvenire
http://www.corriere.it/romano/scrivi.shtml Lettere a Sergio Romano (Corriere della Sera)
esteri@unita.it L’Unità
ufficio.centrale@messaggeroveneto.it Messaggero Veneto
panorama.it@blog.it Panorama
8262@rai.it Chi l’ha visto?
annozero@rai.it Annozero
blunotte@rai.it BluNotte
diversidachi@rai.it Diversi da chi
gabibbo@mediaset.it Striscia la notizia
http://www.iene.mediaset.it/segnalazioni.shtml Le IENE
http://www.matrix.mediaset.it/dillo.shtml Matrix
http://www.report.rai.it/RE_segnalazioni/ Report
info@nessunotocchicaino.it Nessuno Tocchi Caino
lavitaindiretta@rai.it La vita in diretta
redazionetg5@mediaset.it TG5
terra@mediaset.it Terra
tg1_speciale@rai.it Speciale Tg1
zapping@rai.it Zapping

AIUTA CARLO a riabbracciare i suoi Cari, DIFFONDI LA SUA STORIA

4 commenti

  1. Egidio   •  

    E poi dicono America terra di libertà… A me sembra proprio il contrario. Cerlo Parlanti è stato condannato solo perché il p.m. di Ventura l’ha reso antipatico ai giurati. “Nella grande demograzia americana” chi è sgradito al potere non viene condannato ad una multa per vilipendio ma viene spacciato per trasgressore del delitto comune e resta in carcere a lungo o è persino condannato a morte.

  2. Roberto Chibbaro   •  

    non ne farei un caso di “democrazia di sistema”, ne farei un caso di errore giudiziario grave…il sistema funziona in teoria, vanno di certo ocmbattuti errori simili…

  3. Egidio   •  

    Errore giudiziario? Ma se la Procura ha avallato prove false? on sembra che funzioni la regola dell'”oltre ogni ragionevole dubbio” visto che nessuna motivazione accompagna il ver detto della gioria. Infatti in questo caso è un falso detto della giuria ingannata dalla Procura di Ventura (California).

  4. Roberto Chibbaro   •  

    Appunto, quindi l’errore sta non nel sistema, ma nel caso. Bisogna portare l’innocenza di Carlo avanti, non è il sistema che va combattuto, è il caso di Carlo, secondo me che bisogna combattere…

Rispondi