Il camper del Corriere della Sera

Una volta, quando io ancora dovevo nascere, e i miei genitori uscivano ancora i njeans i cronisti erano molto diversi da oggi. Non erano dei semplici montatori di notizie d’agenzia, non erano degli Ivan Denisovich prestati al mondo della carta stampata (cercate sul Barbiere della sera e capirete). No, erano persone che andavano in strada, cercavano le notizie, consumavano le suole. Poi arrivò il privilegio, la casta, e tutto finì.

E’ pertanto un vero piacere sentire di notizie come quelle del camper del Corriere della Sera, che vuole portare i cronisti vicino ai cittadini e sentire tutte le loro lamentele, idee e problemi. Per un giornale completo, ricco, ma ingessatissimo in questo tipo di cose e nell’online, è davvero un piccolo miracolo. Ritorna il giornalismo di strada che mio padre mi raccontava esserci negli anni 50 e 60?

LINK: Il Camper del Corriere

Rispondi