Ah…internet, ne ho sentito parlare.

Da poco sono ritornato dalla riunione con alcuni editori indipendenti che pensavano di consociarsi per potere crescere di più insieme. Lodevole tentativo, tanto più che avviene in una terra come questa mia amata e odiata Sicilia che è davvero avara di iniziative come queste.

Il motivo per cui lo racconto, non è tanto il fatto che Unimagazine aderirà e supporterà l’iniziativa, quanto il fatto che appena ho detto che eravamo solo on line, tutti hanno prima detto “ohhhh”. Poi però, segno che qualcosa forse sta cambiando, hanno voluto sapere come andare on line, rafforzare la community, insomma essere davvero presenti in rete.

Speriamo non sia una rondine che non fa primavera…

Rispondi